NO ai Corsi a Pagamento!

Oggi vi svelerò un piccolo segreto, nonché una scomoda verità per molti di voi.

E’ davvero necessario seguire corsi o prendere lezioni?

La risposta è NO!

Girando sul web avrete sicuramente visto centinaia di migliaia di pubblicità, dove vi fanno vedere come hanno raddoppiato il capitale in pochissimi giorni. Voi, curiosissimi, cliccate sul link/video/articolo, ed ecco che

“Ma cosa sta dicendo? Come ci arrivo io a fare queste cose? Ah ecco, il link della spiegazione. COOOSA? 500/1000/2000 euro di corso? Voi siete pazzi”

“Fortunati coloro che possono permetterselo” penserete “diventeranno presto ricchi”.

E invece no.

Ora vi elencherò 3 motivi per cui sono contro i corsi a pagamento.

  1. Pagare in anticipo.

Come da prassi, voi dovrete versare i soldi prima della lezione/corso, indipendentemente dalla somma. E chi vi dice che ciò sia abbastanza per voi? Siete sicuri vi aiuterà? E se così non fosse? Pensate verrete rimborsati? Alcune lezioni si aggirano intorno ai 40€, ci si può permettere – forse – di perderli, ma quando la cifra è intorno ai 1000?

  1. Chi vi assisterà dopo il corso?

Poniamo il caso che voi spendiate i soldi per concedervi questo servizio; una volta concluso, avrete sicuramente appreso tutto il necessario, ma sarete capaci di metterlo in pratica?

  1. Nessuno vi sta vendendo il Sacro Graal.

Nessuno ha la formula magica che vi renda capaci di guadagnare dall’oggi al domani. Nessuno. La semplice particolarità di questi signori è il fatto che vi offriranno qualcosa che nessun altro ha.

Come imparare allora?

Libri, libri, libri.

Anche qui, per tre semplici motivi.

  1. “Verba Volant, Scripta Manent”

Una volta comprato, un libro è di vostra proprietà. Potete leggerlo e rileggerlo, consultarlo quando ne avete bisogno.

2. Gli autori sono disponibili, GRATUITAMENTE

Per esperienza personale, posso affermare che per qualsiasi dubbio voi abbiate, potete scrivere una mail all’autore stesso che, oltre ad essere molto disponibile, vi risponderà in breve tempo.

3. Qui entrano in gioco le vostre capacità

Non si tratta, infatti, di spendere soldi perché qualcuno vi stia dietro e vi dica cosa fare e cosa non fare, in modo che, non appena questa persona non ci sarà più, voi vi sentirete persi. Qui, entrano in gioco le vostre capacità, la vostra voglia di fare, e il vostro impegno. In questo modo potrete sperimentare, e trovare la strategia più adatta al vostro modo di operare, e potrete farlo in totale autonomia.

Con questo articolo non voglio dire che i corsi siano inutili, ma che se ne possa fare a meno. 

Io, ad esempio, non ho mai seguite alcuna lezione a pagamento. Ciò non vuol dire che sia un’esperta, anzi.. ma posso sostenere di star seguendo la mia strada, costruendomela pezzo per pezzo. E comunque ho fatto delle prove gratuite di questi “corsi”, dove mi sono trovata molto male. Queste lezioni, infatti, non si basavano sulla tecnica, ma sulla pubblicità di un prodotto, come a dire “utilizzate solo questo, perché grazie a lui diventerete ricchi”.

NO, NO, NO,  NO! Nessuno diventa ricco dall’oggi al domani. Molti non lo diventano nemmeno, ma sono in grado di mantenersi, ed essere liberi economicamente, seguendo la propria tecnica. Si parla, però, di uno studio di anni e anni, dove alla base vi sono l’impegno e la costanza.

Se volete tutto e subito, provate con il Poker o le schedine del calcio, avrete molte più probabilità di vittoria.

Annunci

Analisi per l’Attentato a Bruxelles

Questo articolo uscirà mal fatto, ne sono certa. Lo sto scrivendo da un telefono grande quanto un moscerino, ad un orario in cui i miei occhi non distinguono più il letto dal frigorifero, ma ci tenevo a farlo visto quel che è successo oggi.

L’attentato ha creato un po’ di disagio su alcuni mercati, e a tal proposito mi sento in dovere di fare un’analisi che non vi faccia perdere soldi.

Vendere o comprare?

Seriamente ci stiamo ponendo questa domanda? 

Per tutta la giornata importanti aziende di broker e analisti hanno dato consigli su come comportarsi, perché, appunto, questo attentanto ha creato disagio in molti mercati.

Cavolo, molti trader oggi non potranno guadagnare, tutta colpa degli 31 – o forse più – morti!

Pochi minuti dopo le esplosioni, Twitter era pieno di post dove si avvertiva di invertire con urgenza alcune posizioni, di chiuderne altre e di vendere tutte le azioni degli aeroporti e compagnie aeree.

A questo punto sono giunta a due conclusioni.

1. La maggior parte dei trader è incapace.

È risaputo che i prezzi dicano da soli tutto il necessario. Le stesse notizie diventano ben chiare attraverso alcuni movimenti che essi fanno, e non vi è alcun bisogno di sapere di cosa si tratti.

2. Che vergogna l’umanità!

Termino “l’analisi” consigliando, a tutti coloro che oggi hanno fatto trade sulle speculazioni, di farsi furbi. Siete luridi!

Grafico della Salute

Cari traders e non,

Questa è una parte molto importante per la vita di tutti. Giorno dopo giorno, il nostro umore, insieme alla nostra dieta, interessi, voglie e bisogni, cambia. Abbiamo tutti alti e bassi, e vorremo poter essere in grado di evitare questi ultimi.

Purtroppo non ho la pozione magica che vi permetta di farlo, ma ho una soluzione che può migliorarvi il futuro.

Lo chiamo grafico della salute.

Si tratta di una semplicissima tabella, totalmente personalizzabile, dove ognuno di noi inserisce i propri interessi e competenze. Ogni giorno viene dato un voto finale a queste voci, e attraverso un piccolo calcolo, viene prodotta un grafico, esattamente come quello del trading, che ci permetterà di paragonare la nostra salute con i giorni precedenti e successivi.

In questo modo, saremmo in grado di monitorare il nostro andamento generale, e capire, a fine giornata, cos’è andato storto e ha, quindi, bisogno di miglioramenti.

Ecco un esempio (questa è quella che utilizzo io, ovviamente il vostro sarà totalmente personalizzabile, compresi i punteggi):

 

Vita di trading (solo per i trader/ al posto di essa può essere inserito il proprio campo professionale con rispettivi punteggi):

Trade pianificati oggi? 0-4 (0= nulla; 1= pochi; 2= abbastanza; 3= buon numero ; 4= tanti)

Cose nuove imparate? 0-4 (0= nulla; 1= poche; 2= abbastanza; 3= buon numero; 4= tante)

Condotta di trading? 0-4 (0= male; 1= ok; 2=abbastanza bene; 3= bene; 4= ottimo)

Studiato? 0-4 (0= nulla; 1= poco; 2= abbastanza; 3= molto; 4= tantissimo)

Giornata positiva o negativa? -1/+1 (-1= negativa; +1= positiva)

Abbandoniamo gli zeri per questa voce, e siamo critici.

Cattura di schermata (127)

 

Vita Fisica (probabilmente la più importante):

Dieta sotto controllo? 0-3 (0= no; 1= abbastanza; 2= sì, dai; 3= perfettamente)

Fatto esercizio? 0-2 (0= no; 1= abbastanza; 2= giornata di sport/palestra)

Giusto risposo/divertimento? 0-2 (0= cos’è il riposo?; 1=poteva andare meglio; 2= relax)

Obiettivi di scuola/lavoro raggiunti? 0-4 (0= nessuno; 1= discreti; 2= buoni; 3= ottimi; 4= mai visti prima)

Obiettivi personali raggiunti? 0-4 (0= nessuno; 1= discreti; 2= buoni; 3= ottimi; 4= mai visti prima)

Ordine/organizzazione? 0-2 (0= malissimo; 1= mi manca ancora qualcosina; 2= perfezione)

Compiti/studio? 0-2 (0= malissimo, 1= discreto; 2= più del solito)

Ore di sonno? Meno di 6= 0; 6= 1; 7= 2; 8 o più= 3

Cattura di schermata (123)


Vita di relazione:

Aiutato gli altri? 0-2

Aiutato da altri? 0-2

D’accordo con altri? +1/-1

Cattura di schermata (124)

Vita emotiva:

Felice/Triste? -1/+2 (-1= triste; 0=indifferente; 1= felice; 2= al settimo cielo)

Pace/Ansia? -1/+2 (-1= la mia ansia ha l’ansia; 0= indifferente; 1= tranquillo; 2= pace dei sensi)

Pazienza/Intolleranza? -1/+2 (-1= odio tutti; 0= indifferente; 1= gli altri esseri umani non sono poi così male; 2= amo tutti)

Cattura di schermata (125)

Totale:

Cattura di schermata (126)

Tutto ciò è molto importante perché nel trading, come nel lavoro, come a scuola, per quanto si possano avere buoni guadagni/voti/soddisfazioni, il nostro sonno e il nostro fegato potrebbero risentirne.  Bisogna controllare tutti gli aspetti della propria vita, compresi dieta, sport e sonno, perché,  che ci piaccia o meno, andranno ad infierire nel nostro rendimento.

Da quando lo utilizzo riesco a migliorare tutti gli aspetti della mia vita, andando a cambiare piccole, in modo da ottenere risultati migliori.

Ora prova tu. Scarica il foglio Excel, cliccando sul link qui di seguito. Ricordo che in quanto file Excel, non è leggibile da iPhone e iPad.

HealthGraph

Questi grafici sono totalmente personalizzabili. Le varie voci e punteggi possono essere modificati liberamente. Attenzione alla formattazione delle tabelle; aggiungendo o togliendo alcune voci, le formule potrebbero cambiare totalmente, non rendendo visibili i risultati.

Per saperne di più o avere un grafico totalmente personalizzato:

Scrivimi una mail

Segui la mia pagina Facebbok

Segui la mia pagina Twitter

Prenota una Chat

Psicologia di Trading

Oggi vorrei affrontare un argomento spesso ignorato dalla maggior parte dei trader perché ritenuto poco importante: la psicologia di trading.

Per quanto possa sembrare stupido, gli studi dimostrano che quest’attività, che sembra tener conto di soli numeri e calcoli, è in realtà composta per un piccolo 10% dalla tecnica, e il restante 90% dalla psicologia.

Secondo la mia esperienza, invece, il trading è:

Cattura di schermata (109)

Tranquilli, ho delle ottime spiegazioni.

20% Tecnica -> Si sa, essa serve. E’ vero, i prezzi alla fine possono fare due cose, scendere o salire; lanciando una monetina avremmo il 50% di possibilità di fare delle previsioni corrette, ma certe volte ci si va ad infilare in situazioni che solo con la conoscenza della tecnica si possono risolvere. Onde per cui, cari traders, studiate! Purtroppo non c’è alcuna scappatoia, vero Martina? (coff coff)

10% Connessione Internet -> Qui potrei scrivere un tema saggio. Per quanto possa sembrare ovvio, in realtà non è così. Non basta una connessione che funzioni ogni tanto, quando ne ha voglia, se non è troppo affaticata. Deve funzionare sempre, o mettete in serio pericolo il vostro  capitale. (Spero che mio fratello e mio padre stiano leggendo questo articolo).

A tal proposito vi racconto un aneddoto.
Pochi mesi fa abbiamo cambiato connessione, per il lavoro che fa mio fratello serviva qualcosa di molto più serio di una normale connessione internet (no, non è un hacker di Anonymous, ma un accanitissimo e potentissimo giocatore di Call of Duty). Questa funziona perfettamente per i primi.. no, abbiamo problemi fin da subito, ma poi sembra voler collaborare, e inizia a fare il suo lavoro in modo apprezzabile. Dopo qualche mesetto, sotto le feste, pensando di essere un albero di Natale, decide, insieme al suo amico modem, di alternare le sue due lucine, verde e rossa. In questo modo la connessione andava e veniva. Fortunatamente non è mai successo nulla di grave, giusto qualche stop mancato e qualche spread modificato, fino al fatidico giorno in cui, dopo aver aperto una posizione, non faccio in tempo a impostare lo stop, che mi vedo tutti i miei soldi andarsene, e volare liberi verso il grande mercato valutario.

Morale: assicuratevi che la vostra connessione funzioni!

10% Culo -> Bisogna farsene una ragione, ci sono giornate no e giornate in cui i guadagni triplicano; non ci si può fare niente. Bisogna accettare il proprio destino senza farsi troppe domande. Cit. Leopardi trader.

60% Psicologia -> Ed ecco lo scoglio più grande.

La normale routine psicologica di un trader funziona più o meno così:

  1. Paura.

E’ legata al rischio della perdita finanziaria. Si ha paura di fare un investimento perché si ha paura di perdere dei soldi. Il trader inizia ad avere paura prima di investire, e continua ad averla anche mentre l’investimento è in atto, quando magari la posizione è ancora in negativo a causa dello spread. Ciò porta ad una chiusura prematura del trade, a stare attaccati al monitor per tutto il suo sviluppo, o stringere gli stop in modo esagerato.

2. Speranza.

Quando il trade non si sviluppa come avevamo previsto, entra in gioco la speranza. Gli stop vengono allargati perché “è troppo stretto, può essere che i prezzi lo tocchino ma poi tornino in positivo, meglio allargarlo”. Proprio così avvengono le perdite più grandi e devastanti.

3. Euforia.

Quando una serie di trade vanno come sperato, inizia questo sentimento di euforia che però tanto positivo non è. Esso porta ad investire ancora e ancora, senza pensare troppo all’analisi tecnica. “Andrà bene anche questa, è una buona giornata”. Ed ecco sparire l’intero guadagno e oltre. Cit. Buzz Litghyear

4. Panico, rabbia, collera, delusione.

Sono tutti legati alle perdite. Consiglio vivamente di smettere di operare in queste condizioni, si rischia di prendere decisioni affrettate e condizionate dal nostro stato d’animo.

5. Dubbio.

E’ probabilmente il sentimento peggiore. Si inizia a dubitare delle proprie conoscenze, tecniche, e credenze varie. Si iniziano a cercare nuovi modi di operare, quando basterebbe migliorare il proprio. Come dicono i grandi trader, se ogni volta che subiamo una perdita ci mettessimo a cercare un nuovo metodo, non finiremmo mai, entreremmo in un circolo vizioso infinito.

Ricordo che è normale avere delle perdite, proprio come dei brutti voti a scuola, delle multe in macchina o delle semplici giornate no, la bravura sta nel non darci troppo peso e riuscire a superarle e recuperare nel migliore dei modi. Inoltre, mai avere fretta. La pazienza, insieme al trend, è la migliore amica del trader.

Dopo queste perle, lascio la “parola” agli psicologi. Io, purtroppo, sono una comune mortale, e come tale, mi faccio ancora sopraffare dalle emozioni. Nel frattempo, però, ho la soluzione alla maggior parte dei problemi –> clicca qui!

 

 

Qualche Novità

Dopo circa una settimana di assenza, rieccomi qua a scrivere. Direi che la causa è il troppo studio, se fosse vero, fortunatamente però sono altre le cose che mi hanno impedito di postare articoli.

Una fra le tante è stata la richiesta di tradurre l’intero blog in inglese. Ciò avrebbe comportato la perdita di ciò che avevo già creato, quindi ho deciso di crearne uno anche in inglese, e il lavoro, ovviamente, raddoppia.

Tra l’altro se vi va di dargli un occhiata cliccate qui. Per ora è ancora un po’ spoglio, ma il neonato ha visto la luce solo ieri.

Per quanto riguarda l’operatività, in questi giorni sono riuscita a guadagnarmi un po’ di pips sfruttando qualche trade qua e la, e alcuni ordini impostati la settimana scorsa.

Inoltre ho reinserito le Heiken Ashi, un po’ perché mi mancava vedere il grafico così pulito e un po’ perché sto facendo degli studi che a breve pubblicherò sul blog.

Direi che questo è quanto. Stasera pubblicherò il trade di oggi (AUDJPY), e nell’attesa sarei curiosa di sapere se qualcuno di voi ha seguito questa coppia.

Fatemi sapere! Come sempre risponderò immediatamente alle vostre mail e alle richieste su Skype 😉

–> Pagina Facebook <–

–> New Blog <–

–> Twitter <–

–> Mandami una mail <–

–> Skype –> martiandrea97 <–

 

Analisi CADJPY #6

E’ vero, è vero, ieri non ho scritto nessun articolo, ma non vi siete persi chissà cosa, sulla nostra coppia non è avvenuto nulla di interessante.

Anzi, proprio ieri abbiamo visto una forte discesa, su cui, tra l’altro, siamo riusciti a lavorare intraday. Ciò per il semplice fatto che ci aspettavamo una ripresa del trend rialzista, che, contro le mie aspettative, è avvenuto oggi, con un recupero totale della discesa. In questo modo abbiamo un nuovo minimo a cui collegare la nostra trend line. (Non è proprio la tipica trend line che vedete rappresentata; di questo ne parlo in un –> altro articolo <–).

Cattura di schermata (100)

 

Tuttavia, il Ross Hook non è ancora stato rotto. Non fate caso alla mia entrata, sto sperimentando un nuovo metodo, di cui vi parlerò prossimamente.

Il mio consiglio rimane quello di entrare alla rottura di quest’ultimo, o all’eventuale chiusura al di fuori della Kumo.

Se avete dubbi, domande, perplessità, o volete saperne di più, contattatemi su Twitter, Facebook, o via Email, sarò felicissima di rispondervi 🙂

Per concludere vorrei consigliarvi di fare un salto sul (–>) blog di Stefano (<–) troverete del materiale davvero interessante.

Buona serata a tutti 😉

Clicca qui per le analisi precedenti.

Analisi CADJPY #5

Inizio questo nuovo articolo ringraziando i tanti feedback ricevuti, soprattutto tramite Twitter, dove siete sempre molto attivi. Il 90% delle visualizzazioni di oggi arriva proprio da lì.

Dopo un piccolo sondaggio su questo social, ho fatto un esperimento sulla coppia.

Come già detto venerdì (Clicca qui per leggere l’analisi), finalmente, le mie previsioni danno un feedback positivo, e, non appena scattato l’ordine alla rottura del Ross Hook giornaliero, la posizione va subito in gain.

Purtroppo però, domenica sera il mercato riapre con un gap ribassista, e tocca il mio Stop Loss posizionato in pareggio (in realtà qualche pip più in su).

A quel punto piazzo un ordine alla rottura del Ross Hook giornaliero, utilizzando la TTE.

Cattura di schermata (97)

Allo stesse tempo, però improvviso un entrata su un time frame di 15 minuti.

Cattura di schermata (98)

Ecco che una molto buona mi viene consigliata dalla Lagging Span che taglia la Kijun. Purtroppo per me, ho ritardato un po’, entrando solo dove vedete il segmentino rosso.

Qualche candela dopo scatta anche il mio ordine.

Dopo un lungo periodo di guadagno, inizio a vedere entrambe le mie posizioni in negativo, cosa che non sarebbe se successa se la mia entrata fosse avvenuta proprio alla rottura della Kijun da parte della Lagging Span.

Ad ogni modo, non ho intenzione di chiudere la posizione, ho semplicemente ristretto i miei stop; questo perché i prezzi non riescono a liberarsi della Kijun, che funge da resistenza.

Posso concludere dicendo che l’Ichimoku mi ha dato un segnale d’entrata anticipato e più preciso rispetto al Ross Hook.

A questo punto ho solo da aspettare, e studiarne lo sviluppo.

Capisco che questi articoli possano essere un po’ noiosi per chi legge il blog per puro svago, senza seguire i trade insieme a me. Proprio per questo vi linko un paio di articoli che io reputo molto carini, a breve inoltre verrà completato il mio ABC del trading, con aggiunta di esperienze personali 🙂

Leggi anche:

Esperimento opzioni binarie

I tre movimenti dei prezzi

Cos’è l’ichimoku?

 

Tutto ciò che c’è da sapere.

Sezione non ancora completata

Sezione 1

Analisi tecnica di base: 

  • Il Trend e il Doppio o Triplo Minimo
  • Doppio Minimo o Doppio Massimo
  • I Canali
  • Inversione del Trend: il Testa Spalle
  • Il Triangolo
  • Il Wedge come figura di continuazione
  • Introduzione alle Medie Mobili
  • I Livelli di Ritracciamento
  • Dalle Envelopes alle Bande di Bollinger
  • Il Grafico Heiken Ashi
  • Gap e Lap

 

Sezione 2

Analisi Algorimica

  • Il Commodity Channel Index
  • Il Super Trend
  • Le Divergenze con Larry Williams % R
  • MACD e Trading
  • Oscillatore Stocastico
  • RSI di Wilder
  • L’Ichimoku

 

Sezione 3

Il Pattern di Prezzo:

  • Il Key Buy
  • Boomer e Indicatore ADX
  • 1-2-3 Massimo e Minimo
  • Ledge
  • Ross Hook
  • Cluster
  • L’OOPS di Larry Williams
  • Cup and Handle
  • Il Pattern 80 – 20

Sezione 4

Pattern Candlestick:

  • Analisi CandleStick
  • Shooting Star: istruzioni per l’uso
  • Evening Star
  • Hammer
  • Hanging Man
  • Gli Engulfing
  • Gli Harami
  • Le Doji
  • Piercing Line e Dark Cloud Cover
  • Pattern Morning Star: istruzioni per l’uso

 

Sezione 5

Tecniche Avanzate:

  • Le Outside Bar
  • Il Trading Range: analisi tecnica
  • Inside/Outside – Candle Breakout
  • Discesa da 3 a 5 barre
  • Come usare la Andrews’ Pitchfork
  • La barra di esaurimento
  • Lo Stop Loss
  • Inversione di Trend con il Double Repo
  • I segnali operativi con le Gimmee Bar
  • I Pullbacks
  • Sling Shot
  • Forex Alligator
  • La Microtazza con Manico
  • La Media Mobile Spostata
  • Il Failure Swing con l’RSI
  • Il First Price di Tom Bierovic

Sezione 6

Spread Trading:

  • Introduzione allo Spread Trading
  • Spread Trading: un caso concreto
  • Tecnica di Divergence con le Medie Mobili
  • Convergence Spread Trading

Sezione 7

Operatività:

 

 

 

 

Il calcolo del guadagno // Forex

Questo venerdì il mercato ha chiuso lasciandomi tutte le posizioni in positivo. Come sempre le controllo tutte, per verificarne lo spread, le commissioni e tasse varie. Un grafico in particolare, però, ha richiamato la mia attenzione.

La coppia CADJPY (clicca qui per vederne l’analisi), con 0.01 lotti, e 19 pips a mio vantaggio, mi segnala 1.51€ di guadagno.

Dopo calcoli su calcoli continuo a non capire come sia possibile, non sono molto pratica nel settore. Decido quindi di cercare su internet, e dopo aver girato ben 7 siti, ognuno con una spiegazione poco esaustiva, confusa e piena di pubblicità, sveglio la mia voglia di fare calcoli matematici, che alle 11 di questa mattina stava ancora dormendo, e mi metto a calcolarlo io stessa.

In soli 5 minuti giungo ad una conclusione che vi espongo qui di seguito:

(1/tasso valuta secondaria al momento dell’entrata) * n. pips di guadagno o perdita * tasso di cambio della valuta principale rispetto alla valuta in cui volete sapere il guadagno

Sembra un po’ complicato, ma vi faccio subito un esempio.

Riprendiamo il mio grafico:

  • Coppia: CADJPY
  • Lotti: 0.01
  • Guadagno: 19 pips
  • Entrata: 85.25

Voglio sapere il mio guadagno in euro, sapendo che il cambio EUR/CAD è di 0.68.

Procediamo.

(1/85.25) * 19 * 0.68 * 10= 1.52€

Semplice no?

Vi lascio subito un compito per casa:

  • Coppia AUDNZD
  • Lotti: 0.2
  • Guadagno: -256 pips
  • Entrata 0.78

Voglio conoscere la mia perdita in euro, sapendo che il cambio EUR/AUD vale 0.67.

Lasciatemi un commentino qua sotto, e vediamo se avete capito.

Sinceramente non auguro a nessuno una perdita del genere :O

 

 

 

Analisi CADJPY #4

Questo articolo sarà molto breve, voglio riassumere in modo molto sintetico ciò che ho già scritto sulla pagina Facebook, per permettere anche a chi di voi non lo abbia di rimanere aggiornato.

In caso non lo abbiate fatto, vi consiglio di leggere l’analisi precedente.

Come avevo già detto, alla rottura del Ross Hook i prezzi avrebbero iniziato una forte salita.

Cattura di schermata (91)

19 pips? Ma dove la vedi la “forte salita”?

Ebbene, la candela è stata ribassista tutta la giornata, per diventare rialzista solo alle 17, orario in cui, come tutti sappiamo, la liquidità comincia a diminuire.

Prossimo target?

Non so rispondere a questa domanda. Preferisco non avere aspettative. Sicuramente spero nell’uscita dalla Kumo, in modo che la salita continui, ma se così non fosse non ci sarebbe alcun problema, tanto la mia posizione è al sicuro.

Sono felicissima di poter dire che la mia analisi ha avuto un esito positivo!

Con ciò auguro un buon weekend a tutti 🙂

Se vi va, fate un saltino sulla mia pagina Facebook <– cliccate sul link

Questo blog è privo di banner pubblicitari per me redditizi, e sempre lo sarà. Gli unici che potete trovare sono, ahimè, dovuti alla versione gratuita di WordPress, che a breve aggiornerò con la premium. A quel punto non vi sarà più alcuna pubblicità, non ho intenzione di vendere il blog, rendendolo disordinato e pieno di pop up che portano la gente a cliccarci sopra involontariamente. Ho detto di no alla pubblicità, e così sarà, amen!